Play 2019 – 3

Eccoci dunque, dopo il primo pezzo introduttivo e quello dedicato ai titoli che ci hanno deluso, al racconto di quali titoli, invece, hanno confermato le attese o hanno stupito.

L’elenco comprende giochi che prima o poi troveranno posto nella nostra collezione. Il primo, un titolo che già avevo sperato di provare alla scorsa Lucca è Schonbrunn.

20190406_115453

Il gioco, ambientato al congresso di Vienna, è un gioco basato sulle maggioranze che esprime il suo meglio con un numero maggiore di giocatori al tavolo, potendo evidenziare l’asimmetricità tra le diverse nazioni.

In alcuni momenti potrebbe risultare un po’ largo dato che anche chi non vincerà la posta in nessuna delle stanze prenderà una carta bonus. Proprio per questo credo che si sviluppi nella maniera migliore in 6.

Nonostante questa precisazione il titolo risulta essere molto più semplice di quanto si possa pensare valutando l’ambientazione.

Un gioco di cui si è parlato molto nelle anteprime della Fiera è Small Islands, il nuovo Carcassonne…. quante volte l’avete sentita? Bene forse questo è il problema principale di questo titolo. Chi si avvicina al gioco sentendo questa etichetta si fa un’idea errata dato che a parte la meccanica di posizionamento tessere, tra l’altro non è di certo il primo titolo che la utilizza, questo titolo ha una propria solida personalità.

20190405_181325

La dinamica interessante è quella che ogni turno può terminare solo quando uno dei giocatori posiziona la propria barca, questo dovrà avvenire quando si sarà valutato di poter massimizzare i punti in base al proprio obiettivo. Fatto il conto dei punti ecco un nuovo round in cui, alla fine, le isole su cui si è già sbarcati non daranno nuovamente punti. Il titolo recita Small islands, infatti, si deve trovare il giusto momento per sbarcare, ovvero prendere punti, ed impedire che nei turni successivi gli avversari possano utilizzare indisturbati la stessa isola ingrandendola a loro piacimento. Quindi meglio isole piccole che enormi!

Terzo titolo e terza ambientazione diversa: The Long road.

20190407_095022

Il gioco è stato provato in due giocatori e, nonostante dia il suo meglio in 3/4, ci ha subito convinto. I giocatori dovranno creare la strada in tre differenti paesaggi western valutando quale personaggio porre in ogni percorso per poter vendere i propri capi, bianchi o neri, massimizzando i guadagni.

Il gioco scorre veloce con un interessante draft dei personaggi al termine di ogni turno con chi ha posto quello più debole che potrà scegliere per primo. Un titolo leggero da riprovare in 4 per una completa sensazione di gioco.

L’ultimo titolo che ci ha convinto tra quelli già in distribuzione è stato Fuji.

20190406_180147 Il gioco è un cooperativo in cui tutti i giocatori dovranno scappare dall’eruzione del monte Fuji trovando salvezza nel villaggio. I giocatori tireranno i propri dati nascondendo i valori ottenuti ed i colori (ogni dado da 6 ha facce di tre colori n.d.r.). A questo punto ogni giocatore dovrà confrontarsi con gli altri per capire in quale casella della mappa abbia la somma maggiore in base a specifici criteri stampati su di essa (somma dei pari, dadi di valore 5 e colore rosa, somma dei blu e dei rosa, solo per citarne qualcuno n.d.r).

Importante in questa fase non rivelare esattamente il valore ed il colore dei dadi per non perdere la tensione al tavolo. Successivamente si potranno utilizzare carte equipaggiamento e/o ritirare per poter avere più possibilità di successo.

20190406_175026

Una volta che si è verificato chi si potrà muovere e chi no, ecco che il monte Fuji erutterà avanzando verso i giocatori. Lo scopo, logicamente sarà non farsi prendere dalla lava e non farsi tagliare fuori da una delle lingue incandescenti.

Provato in quattro in Fiera, lo abbiamo intavolato in due con la modalità esperta (quella semplice è troppo in balia della fortuna n.d.r.) una volta tornati e, nonostante dia il meglio in 3/4 anche questo titolo, il gioco si rivela ancora divertente.

Gli ultimi due giochi di cui parlerò non sono ancora in distribuzione e, se il primo è un titolo che ci ha intrigato fin dal principio grazie alla sua ambientazione, il secondo è stato una piacevole sorpresa. Sto parlando di Saint Seiya e e Goryo.

Il gioco dei Cavalieri dello Zodiaco poteva vivere esclusivamente sulla base dell’ambientazione, ma il titolo è decisamente ben sviluppato.

20190406_095602

Il gioco di carte scorre seguendo la prima serie dell’anime con una meccanica di deck building che ci farà aumentare la forza dei nostri cavalieri in maniera da sconfiggere il maggior numero di nemici prima che l’ultima fiamma della meridiana si spenga.

Non vedo l’ora di provare l’edizione italiana.

Goryo, invece, è un gioco per due giocatori in cui uno guiderà quattro samurai che cercheranno di impedire ad una principessa, che è stata trasformata in un gatto, di distruggere gli antichi manufatti posti in quattro stanze del palazzo.

20190405_114847

La principessa si sposterà in maniera nascosta secondo un numero di passi preciso mentre l’avversario potrà prendere possesso solo tre dei quattro samurai ogni turno per compiere due azioni tra spostarsi e cercare.

Quando i samurai cercheranno il gatto questo dovrà rispondere in maniera sincera sul fatto se sia passato in un determinato punto. Spostandosi il gatto romperà degli oggetti, se i samurai non lo fermeranno vincerà la partita quando quattro tipologie di questi saranno rotte.

Il gioco si sviluppa come una vera battaglia di ragionamento tra i due giocatori con il primo che dovrà far perdere le proprie tracce mentre l’altro dovrà interpretare al meglio gli indizi che gli verranno dati.

Anche per questo gioco si dovrà aspettare, ma l’attesa sarà ripagata da un gioco molto valido che promette di aumentare la difficoltà per entrambi in caso di diverse partite tra gli stessi giocatori.

Termina in questo modo la rassegna della maggior parte dei titolo provati nei tre giorni di Modena Play 2019, a breve si tornerà alle consuete recensioni, magari anche dei titoli di cui avete letto negli ultimi 4 pezzi!

Vi attendiamo sul blog per altri interessanti articoli!

Annunci

3 risposte a "Play 2019 – 3"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...