[MyGdt] A thief’s fortune

Titolo: A thief’s fortune
Autore: Konstantinos Kokkinis, Sotirios Tsantilas
Anno: 2018
Giocatori: 1-4
Durata: 45-90 min

Ambientazione

La vita di un ladro è fatta di pianificazione del futuro, azione nel presente ed accumulo di ricchezze nel passato. A thief’s fortune ci farà essere un ladro che dovrà compiere il proprio destino.

Il gioco

Il setup prevede di predisporre davanti ad ogni giocatore 7 zone così suddivise: 3 per il futuro (eventi, personaggi e luoghi), 3 per il presente (eventi, personaggi e luoghi) ed una comune alle tre tipologie di carte per il passato.

Partendo da una mano di 5 carte formate da 1 carta per tipo più due a scelta per ogni giocatore si selezioneranno, tramite draft, 4 carte per giocatore da inserire nella zona del futuro con un insieme di risorse specifiche per le carte.

Al termine si passerà alla fase di attivazione delle carte e delle loro combo in un susseguirsi di turni fino ad esaurimento delle azioni.

Si preleverà inizialmente una quantità di risorse dal futuro in base al round e se una carta sarà spogliata di tutte entrerà nel presente. Il presente ha solamente 4 slot e se la nuova entrata sarà la quinta, questa spingerà nel passato la prima a sinistra.

Al termine dell’ultimo round, oltre ai punti che si faranno dall’attivazione delle carte, si calcoleranno i punti presenti sui personaggi e sui luoghi che sono finiti nel passato.

Recensione

Ho aspettato molto tempo per parlare di A Thief’s fortune perchè, se la meccanica dei tre tempi la trovo geniale e molto valida, il draft iniziale ancora mi crea qualche dubbio, come avete letto spesso nei vari articoli di questo blog.

Ma andiamo con ordine.

Intanto il gioco si presenta come un grande solitario di gruppo in cui solo alcune carte ed il destino comune permettono un minimo di interazione. Questa poca interazione è, però, compensata da una frenetica corsa alla combo che impegna i giocatori in maniera immersiva.

Tornando al draft, la sua meccanica prevede di scegliere una carta e metterla nel suo slot nel futuro e passarne 2 per riceverne altrettante. Una volta che la mano si è ridotta a 4 si ripete la scelta ed il passaggio delle carte fino a rimanere solo con le due che arrivano dall’avversario. Delle due ultime carte una si mette nel proprio futuro e l’altra si scarta utilizzandone l’azione relativa.

Quello che non convince completamente è che questa modalità di draft abbassa il valore della strategia nella selezione delle 2 carte a scelta della mano iniziale.

Ad esempio: se io scelgo di avere 3 carte luogo e tutti i miei avversari vanno sui personaggi dovrò puntare a tenermi i luoghi della mia mano nei primi tre giri del draft, perchè difficilmente mi arriverà un luogo dagli altri.

Premesso che un gioco come A thief’s fortune necessita di un draft, forse si sarebbe potuto optare con un’altra meccanica per eseguirlo.

Passati i dubbi sul draft, il gioco è altamente strategico e ti garantisce una pianificazione delle azioni per creare le combo più redditizie.

Indubbiamente il gioco occupa molto spazio sul tavolo, ma quanto è bello vedere le illustrazioni delle carte sul tavolo.

In conclusione, A thief’s fortune è un gioco che, nonostante possa essere giocato per la ricerca delle combo migliori, risulta essere decisamente leggero e capace di far giocare anche giocatori occasionali o alle prime armi.

La poca interazione fa, infine, il paio con un’ottima scalabilità che permette di giocarlo indistintamente da 1 a 4 giocatori.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...